| 

Nursing Up

Il Sindacato degli Infermieri Italiani

Via Carlo Conti Rossini, 26 – 00147 Roma

www.nursingup

 

 

 

Roma, 17 /02/2017

 

 OGGETTO:  PRELIEVO DEL 2,50% SULLA BUONUSCITA DEI DIPENDENTI PUBBLICI, FACCIAMO IL PUNTO PER EVITARE SPECULAZIONI SULLA PELLE DEGLI INFERMIERI.

 

È da qualche settimana che, alcune sigle sindacali, stanno diffondendo ipotesi di ricorsi collettivi , con l’obiettivo sotteso di fare tessere sindacali, dietro la falsa certezza di far ottenere , agli interessati,  un rimborso dallo Stato in tema di Trattamento di fine servizio.

 

Questi Sindacati , infatti, stanno riportando  alla  luce dei riflettori la questione della illegittimità della trattenuta del 2,50 % sulla “buonuscita” posta a carico dei lavoratori dipendenti di amministrazioni pubbliche.

Nursing Up trattato ampiamente la questione  circa quattro  anni fa, primo tra i sindacati che hanno deciso di aggredire la problematica, attivando interventi mirati volti ad interrompere la prevista prescrizione  .

 

Alcune sigle sindacali stanno, oggi, propagandando ricorsi per chiedere ai Giudici del lavoro la declaratoria di condanna delle Amministrazioni pubbliche alla restituzione di quanto, a loro dire,  indebitamente trattenuto.

 

Il Nursing Up, si chiede,  questa propaganda è realmente finalizzata ad ottenere giustizia per i lavoratori oppure ha come fine ultimo quello di vendere tessere sindacali?

 

Saranno i nostri associati a farsi, da soli, un’idea chiara di come stanno le cose, anche  dopo aver letto  , con attenzione, le righe che seguono e che descrivono la reale evoluzione giuridica e legislativa dell’intera faccenda.

 

Si premette che sulla problematica di cui scriviamo, sono intervenute numerose pronunce di Tribunali a conforto della tesi dell'illegittimità della trattenuta del 2,50% , è vero anche che, purtroppo,  altrettante e più recenti sono state le pronunce a sostegno della tesi contraria, ossia della legittimità della trattenuta in esame.

Innanzitutto per iniziare a chiarire la faccenda si deve specificare l’esistenza di due gruppi di persone, e quindi di due regimi atti a regolare la percezione della cosiddetta buonuscita:

  • 1- il personale assunto fino al 31.12.2000 si applica la disciplina del TFS (trattamento di fine servizio disciplinato dal DPR 1032/1973);
  • 2- il personale assunto successivamente al 31.12.2000 si applica il regime del TFR (trattamento di fine rapporto regolato dall’art. 2120 cc).

La disciplina dei due regimi presenta enormi differenze.

Il trattamento di fine servizio (regolato dal DPR 1032 del 1973) e quindi del personale assunto prima del  31/12/2000,  prevede la corresponsione di un importo pari all'80% dell'ultima retribuzione percepita dal lavoratore moltiplicata per gli anni di servizio. Questo sistema è finanziato - tra l'altro - da un contributo del 9.60% sull'80% della retribuzione lorda a carico dell'Amministrazione di appartenenza, con diritto da parte della amministrazione stessa di rivalersi sul dipendente del 2,50% di tale importo.

Il TFR (regolato dall'art. 2120 c.c.), e quindi per il personale assunto dopo il 31/12/2000 ,  prevede invece che venga accantonata al 31 dicembre di ogni anno una quota pari e comunque non superiore all'importo della retribuzione dovuta per l'anno stesso divisa per 13,5 alla quale va aggiunta la rivalutazione  dell'importo accantonato l'anno precedente.  L'importo del TFR così calcolato è a totale carico del datore di lavoro nella misura del 6,91% della retribuzione.

 

Specificata la differenza tra i due regimi, diamo ora contezza del percorso legislativo.

 

Fino al 31 dicembre 2000 esisteva un solo regime, ossia quello del TFS (trattamento di fine servizio)

Poi il D.P.C.M. del 20 dicembre 1999 ha disposto per i dipendenti pubblici assunti a tempo indeterminato a partire dal 31 dicembre 2000 il passaggio dal TFS al TFR (regolato, come abbiamo detto, dall'art. 2120 c.c., cosi come esposto sopra)

 

Veniva quindi ad esistenza una diversità di regime:

  • per i dipendenti pubblici assunti ante 2001 vigeva i TFS,
  • per gli assunti post 2001 invece il TFR.

Nel 2010 è intervenuto il d.l. nr. 78/2010, convertito in legge nr. 122/2010, il quale con l’art. 12, comma 10 ha disposto che, con effetto sulle anzianità contributive maturate a decorrere dal 1 gennaio 2011, il computo dei trattamenti di fine servizio, per i dipendenti pubblici non sottoposti al regime del TFR, si effettuava secondo le regole del 2120 c.c., con conseguente applicazione dell'aliquota del 6.91%.

Tuttavia sulla scorta del fatto che detta disposizione nel determinare l’applicazione dell’aliquota del 6.91 %, nulla aveva specificato in ordine alla vigenza o meno della trattenuta del 2,50%, le Amministrazioni pubbliche continuavano comunque ad applicare, per noi illegittimamente,  la trattenuta del 2,50% della base contributiva di cui all'art. 37, comma i, del D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1032.

 

È intervenuta allora la Corte Costituzionale, la quale, con la sentenza n. 223 del 2012, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 12, comma 10, del di nr. 78/2010, nella parte in cui non escludeva l'applicazione della predetta rivalsa del 2,50%. La Corte ha definito irragionevole l’applicazione del 6,91 % sull’intera retribuzione, senza che nel contempo fosse esclusa la vigenza della trattenuta a carico del dipendente pari al 2,50% della base contributiva della buonuscita operata a titolo di rivalsa sull’accantonamento per l’indennità di buonuscita.

Per dare attuazione alla sentenza della Corte Costituzionale è stato quindi emanato il d.l. nr. 185/2012, il quale ha abrogato la norma dichiarata incostituzionale, con sostanziale ripristino del regime del TFS.

Per amore di precisione specifichiamo che decreto legge 185/2012 non veniva convertito, ma i suoi effetti venivano fatti salvi dalla legge nr. 228 del 2012.

 

L'art. 1, commi 98 e 99 della legge 228/2012 nel confermare l’abrogazione dell’art. 12, comma 10 del d.l. nr. 78/2010, ha quindi ripristinato il precedente regime del TFS  per i dipendenti pubblici.

Questo significa che,  dal 2012 ,il quadro è diventato il seguente:

  • per i dipendenti pubblici assunti prima del 2001 è stato ripristinato il regime del TFS disciplinato dal DPR 1032/1973;
  • ai dipendenti pubblici assunti dopo il 2001 si applica la disciplina del TFR in applicazione del DPR 20 dicembre 1999.

 

Anche questa legge è stata sottoposta al vaglio della Corte Costituzionale che con sentenza nr. 244/2014 ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale.

Tra gli altri due sono i passaggi di maggiore interesse.

In primo luogo il giudice a quo ha ritenuto che “il ripristino del precedente regime del TFS per i dipendenti pubblici reintroduce una disparità di trattamento tra i dipendenti pubblici assunti prima del 2001 (per i quali è stato ripristinato il TFS) e quelli assunti dopo il 2001 (per i quali è in vigore la disciplina del TFR)”

La Corte Costituzionale ha ritenuto non sussistente la denunciata violazione a sostegno della legittimità della norma sottoposta al vaglio di costituzionalità ed  ha affermato che “il TFS è diverso e normalmente migliore rispetto al TFR disciplinato dall’art. 2120, per cui il fatto che il dipendente – che (in conseguenza del ripristinato regime ex art. 37 del d.p.r. 1032/1973) ha diritto all’indennità di buonuscita  - partecipi al suo finanziamento con il contributo del 2,50% (sull’80% della sua retribuzione), non integra un’irragionevole  disparità di trattamento rispetto al dipendente che ha diritto al TFR”.

In secondo luogo la Corte si è espressa sulla ritenuta disparità di trattamento tra coloro che (prima della entrata in vigore della legge 228/2012) avevano adito l’autorità giudiziaria ottenendo una sentenza favorevole alla restituzione del prelievo forzoso del 2,50%  e coloro che ancora non lo hanno adito ovvero che in questo momento sono sub iudice.

Ebbene la Corte non ha ritenuto illegittima la disparità di trattamento tra i dipendenti che hanno ottenuto (con sentenza passata in giudicato) la restituzione del 2,50% (restituzione divenuta indebita a seguito della legge 228/2012 che ha abrogato l’art. 12, comma 10 del d.l. 78/2010) e quelli che non l’hanno ottenuta per il sopravvenuto ripristino del TFS, trattandosi dell'inevitabile conseguenza della successione di diverse disposizioni normative e del principio generale di intangibilità del giudicato.

 

Sulla scorta del descritto stato dei fatti sono evidentemente copiose le sentenze dei Tribunali che rigettano le domande dei lavoratori tese a fare dichiarare la illegittimità della trattenuta del 2,50% sull’80% della retribuzione lorda a far data dal 2001 .

Orbene, proprio alla luce del disposto della  Corte Costituzionale , in particolare laddove fa riferimento alla “inevitabile successione di diverse disposizioni normative”,  e delle numerose sentenze di rigetto che di settimana in settimana riempiono gli archivi dei nostri Tribunali, è opportuno astenersi , in questo momento, dal suggerire agli infermieri di “andare al macello, con  cause delle quali l’esito potrebbe definirsi scontato. Noi pensiamo , infatti, in coerenza e continuità con le azioni già intraprese ed a 4  anni di distanza dalla precedente azione collettiva a sostegno della trasmissione di specifiche diffide e costituzioni in mora alle singole amministrazioni , che l’attuale a normativa e la  giurisprudenza nel frattempo intervenuta, non concretizzino elementi sufficienti a sostegno di azioni collettive.

 

Come sindacato siamo prontissimi ad attivare ogni azione necessaria non appena le circostanze oggettive lo consentiranno, per questo invitiamo i colleghi a riflettere molto prima di  spendere danaro ed energie in azioni per nulla scontate ( a differenza di quanto vogliono far credere alcune sigle sindacali) . Sollecitiamo, invece, ogni interessato a verificare  i tempi del  proprio status di interruzione della prescrizione ( 5 anni dalla precedente diffida inoltrata). Conseguentemente , se si e’ a rischio che il termine quinquennale venga superato, è possibile   inviare una nuova diffida alle amministrazioni che mantenga intonso il proprio  diritto .

Inviare una nuova diffida, nei casi innanzi indicati, si rende utile per creare i presupposti di diritto affinchè ognuno possa riprendere in mano l’ipotesi di un ricorso in qualsiasi momento in cui gli orientamenti giurisprudenziali dovessero cambiare in senso decisamente favorevole, circostanza  che sarà premura del Nursing Up portare all’attenzione dei propri iscritti

 

Infine, a beneficio di ogni nostro iscritto informiamo che nei prossimi giorni il servizio legale del sindacato metterà a disposizione, nella sezione riservata alla quale si accede del sito internet (www.nursingup.it), il modulo da utilizzare al fine di  confermare l’interruzione dei termini di prescrizione per un ulteriore periodo quinquennale o comunque secondo diritto. Agli interessati basterà accedere al sistema, con le proprie credenziali, scaricare il documento e seguire le altre indicazioni ivi riportate.

 

 

Lunga vita al Nursing Up

Nursing Up

Il Sindacato degli Infermieri italiani

 

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584