| 

 Nursing Up

Il Sindacato degli Infermieri Italiani

Via Carlo Conti Rossini, 26 – 00147 Roma

www.nursingup.it

Roma, 01 Marzo 2017

A tutti gli associati

 

OGGETTO:  NUOVA LEGGE: POLIZZA RESPONSABILITA’ COLPA GRAVE OBBLIGATORIA PER TUTTI i PROFESSIONIOSTI SANITARI

 

Il Disegno di Legge “ DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RESPONSABILITA’ PROFESSIONALE DEL PERSONALE SANIRARIO” e’ stato approvato, ieri, dalla Camera ed e’ a tutti gli effetti Legge dello Stato .

Questa Legge, al suo articolo 10 prevede l’introduzione, nel nostro ordinamento giuridico,  dell’obbligo di dotarsi , con oneri a proprio carico, di una  polizza assicurativa.

Tale obbligo e’ stato imposto  a ciascun esercente la professione sanitaria operante a qualunque titolo in aziende del Servizio Sanitario Nazionale , in strutture private o in enti privati, (ricordiamo a questo proposito che per il libero professionista tale obbligo era gia’ in vigore ma e’ stato ripreso anche in questa Legge).

La legge appena approvata è densa di spunti di riflessione e di innovazioni importanti per la nostra professione, ed e’ per questo che ,  il Nursing Up, dedicherà nei prossimi mesi un corso ECM  ai propri iscritti, proprio al fine di far conoscere la portata rivoluzionaria di questo testo normativo.

Ciò nonostante, nell’immediato,  diventa fondamentale informare gli infermieri italiani che, al pari delle assicurazioni auto, anche per i professionisti sanitari e’ obbligatorio dotarsi di una polizza.

Il Nursing Up lo sostiene da anni : la polizza che tutela il professionista sanitario della funzione infermieristica dal rischio colpa grave e’ obbligatoria, poco importava , sino ad oggi, che la Legge lo prevedesse o meno, quello che contava, gia’ prima di queste nuove norme, era la necessità di tutela contro i rischi che l’infermiere correva nella sua attività quotidiana.

Ora ne da atto anche il Parlamento, con questa Legge,  che ne impone l’obbligatorietà per le aziende sanitarie ma anche per i suoi dipendenti.

Ebbene, certi Sindacati sono gia’ insorti in nome di un ulteriore obolo richiesto alla categoria, e lo sappiamo che le nuove norme impongono di assicurarsi a spese proprie, ma  sono fuori strada quelli che criticano lo Stato “oggi”, per la previsione normativa di tale assicurazione perche’ il rischio a carico dell’infermiere esisteva già prima, quindi con o senza obbligo di legge.

Noi pensiamo che i Sindacati che davvero desiderano tutelare i propri iscritti dovrebbero mettere mano al proprio portafoglio per dotare, GRATUITAMENTE,  gli infermieri di una assicurazione , senza lamentarsi del fatto che tale assicurazione viene oggi imposta dallo Stato, perché il rischio colpa grave, purtroppo, è sempre stato a carico dei singoli come prevede la Costituzione.

Bisogna anche sottolineare un’altra evidenza : la Legge prevede , combinando i suoi articoli 9 e 10 ,  che la polizza sia obbligatoria per garantire il diritto di rivalsa dell’azienda sui propri dipendenti, ma la copertura assicurativa di cui dovra’ dotarsi l’infermiere dovrà andare ben oltre per garantirgli serenità in caso, ad esempio, di pluralità di sinistri per colpa grave.

Per comprendere meglio il concetto è necessario fare un esempio che potrà sembrare poco calzante ma che ben si presta : in Italia e’ obbligatorio , per guidare una macchina , dotarsi di polizza Responsabilità civile per l’uso dell’automezzo, basta fare una polizza per adempiere a tale obbligo , ma se si stipula una polizza che copre solo ed esclusivamente l’obbligo di legge e nulla piu’ cosa accadrà all’interessato se il massimale non basta a coprire un eventuale sinistro perché all’azione partecipano, ad esempio, più persone che si ritengono danneggiate?   Come devono essere considerati tutti gli eventuali risarcimenti riconosciuti ?

Pare ovvio immaginare che, tornando agli infermieri, se si tratta di sinistri autonomi tra di loro,  per ognuno di essi scatterà la rivalsa da parte dell’ azienda sanitaria per un importo che potrà raggiungere sino al triplo dello stipendio lordo annuale del professionista interessato e quindi il massimale a garanzia , se, ad esempio fosse calibrato sull’ipotesi di un solo singolo sinistro, diventerebbe quanto meno insufficiente.

Ma potremmo continuare all’infinito, la risposta e’ sempre la stessa, il rischio che un infermiere corre è quello di pagare in prima persona ,  anche se si è adempiuto all’obbligo di legge.

Bene questo per dire che da oggi la polizza RC professionale colpa grave per l’infermiere italiano e’ obbligatoria e che non basta avere un pezzo di carta,  la copertura deve esserci ma deve anche essere  adeguata al rischio che si corre.

Diffondete tra gli infermieri le informazioni relative alla polizza Reale Mutua Assicurazioni – Nursing Up, gratis per tutti gli iscritti al nostro Sindacato,  perche’ oggi piu’ che mai farete,  al collega al quale proponete l’iscrizione, il regalo piu’ grande  possibile.

Intanto il Sindacato si sta già attivando con la Compagnia Assicuratrice per coordinare le attuali norme di polizza con le previsioni della nuova legge proprio al fine di garantire ai propri associati il livello massimo di garanzie e prerogative . Tutto cio’, non solo per   armonizzare tali polizze al diritto subentrante, come è doveroso, ma anche per garantire agli iscritti la massima tranquillità possibile. 

Vi ricordiamo che la polizza Nursing Up – Reale Mutua assicurazioni viene da anni di esperienza del nostro Sindacato in questo settore ed ogni condizione e’ cucita  addosso all’infermiere italiano, alle sue esigenze, ai suoi bisogni, non ultimo il massimale di 10 milioni di euro annuali per ogni associato ( 5 milioni di euro per sinistro) e la retroattività fino al 1/1/2010.

Vi ricordiamo che tutte le condizioni di polizza sono esplicitate nella nota informativa visibile prima dell’adesione ai servizi gratuiti, che puo’ avvenire dopo l’iscrizione al Nursing Up, dal sito interno www.nursingup.it

Lunga vita al Nursing Up

NURSING UP

Il Sindacato degli Infermieri Italiani

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584