| 

Nella prima bozza del DEF ( il documento di economia e finanza) sembrava che dovessero essere  previsti 2,8 miliardi di euro aggiuntivi destinati al pubblico impiego, a valere per tutti i comparti .

Lo scopo sembrava  essere , almeno dai proclami della ministra Madia,  quello di arrivare ai famosi euro 85,00  lordi ( circa 36 euro netti) di aumento salariale lordo per i pubblici dipendenti che la stessa aveva promesso , tra novembre e dicembre 2016 , come rinnovi contrattuali 2016-2018.

Tuttavia, dopo aver dato una prima lettura al DEF , la lacunosità del documento e la poca chiarezza fanno sorgere seri dubbi sulla reale consistenza degli stanziamenti.

Nel documento non vengono riportate le specifiche quantificazioni che, sarebbero in grado di sostenere , senza ombra di dubbio il previsto stanziamento di 2,8 miliardi di euro per i contratti. Tuttavia, nel documento di economia e finanze non si parla di cifre , al loro posto son ostate inserite due locuzioni, peraltro laconiche , che in qualche modo lasciano immaginare ciò che in futuro verrà fatto.

«L’individuazione degli interventi che il Governo riterrà opportuno attuare, – recita il Documento di economia e finanza – sia nella dimensione che nei settori economico-sociali ritenuti meritevoli di attenzione dovrà, infatti, essere oggetto di una specifica valutazione anche ai fini della verifica rispetto agli obiettivi programmatici di finanza pubblica».

E’ di tutta evidenza , insomma, che nel documento viene in qualche modo richiamato  l’accordo con i sindacati sottoscritto il 30 novembre scorso (con il quale il Governo Renzi si era impegnato per un aumento di circa 85 euro in media ) ma non esiste una quantificazione in cifre, perché tutto viene rinviato ad una successiva, e non meglio precisata «specifica valutazione».

A che gioco stanno giocando?

Ricordiamo, a coloro che se ne fossero dimenticati , la sentenza della Corte costituzionale che invitava rinnovare i contratti fermi dal 2009.

Ricordiamo che ci sono migliaia di ricorsi degli iscritti al sindacato Nursing Up che chiedono giustizia davanti alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

Ricordiamo , perché pare proprio che sia necessario farlo, che a tutto esiste un limite e che di fronte alla giustizia europea la nostrana politica “ di casa” può fare ben poco.

 

Nursing Up

Il Sindacato degli infermieri italiani

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584